Posts contrassegnato dai tag ‘monitoraggio’

Egregio Presidente,

in occasione della Sua visita presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), vorremmo attirare la Sua attenzione sul problema del precariato che da troppo tempo affligge questo ente di ricerca.

La precarietà nel mondo del lavoro, quando diventa strutturale, umilia la dignità delle persone, mina la salute e i rapporti umani e famigliari, non permette la progettazione della propria vita e, cosa ancor più grave, rende il lavoro ricattabile.

Nel nostro Istituto il personale con contratto di lavoro precario rappresenta il 30% del totale dei dipendenti, tra assegnisti di ricerca e contrattisti a tempo determinato. Di questi ultimi, la metà ha più di 10 anni di anzianità e un quarto più di 15 anni. I precari lavorano con le stesse responsabilità dei colleghi a tempo indeterminato e con identiche mansioni: sono inseriti stabilmente nella turnazione delle sale di monitoraggio sismico e vulcanico, svolgono attività in emergenza, partecipano costantemente alla ricerca istituzionale e si occupano della stesura e del coordinamento di attività nell’ambito di progetti italiani e internazionali. “Precario” all’INGV non è quindi sinonimo di giovane inesperto o in formazione, ma di personale altamente qualificato, indispensabile alle esigenze di un Istituto che ha la responsabilità’ del monitoraggio del territorio h24, nel paese a maggior rischio sismico e vulcanico d’Europa.

Qualche mese fa è stato approvato il D.Lgs. 75/2017, la cosiddetta “legge Madia”, che all’articolo 20 si occupa delle nuove procedure di stabilizzazione del personale degli Enti Pubblici di Ricerca. Questa riforma rappresenta un ottimo passo avanti negli intenti, ma rischia di rimanere lettera morta non essendo attualmente sostenuta da adeguati finanziamenti. Allargare soltanto la platea degli aventi diritto all’assunzione, senza un serio investimento, significa creare aspettative che non potranno essere corrisposte.

Una storia purtroppo già vissuta dai precari “storici” dell’INGV che avrebbero dovuto essere assunti 10 anni fa in base alle leggi Finanziarie 2007 e 2008 del Governo Prodi: la dotazione organica dell’Istituto era allora satura e il processo di assunzione degli aventi diritto non è ancora terminato.

In questa situazione di estrema incertezza per il futuro, molti colleghi scelgono di lasciare il nostro Paese. I sacrifici personali, gli investimenti individuali e pubblici fatti per acquisire le elevate competenze che ci riconoscono nel mondo, contribuiscono cosi’ allo sviluppo, alla ricchezza e alla competitività di altri paesi, rendendo altresì difficile il ritorno degli investimenti che l’Italia fa in Europa. Di contro, l’Italia stessa non è in grado di attrarre in ugual misura ricercatori stranieri. Infatti, investiamo in ricerca solo l’1,33% del PIL contro il 2,03% della media europea.

Ciononostante, molti sono rimasti, credendo ancora nelle potenzialità del nostro Paese, e contribuiscono ogni giorno a portare avanti con professionalità, competenza e passione la ricerca in questo Paese, con risultati di eccellenza.

Egregio Presidente, abbiamo la convinzione che il nostro lavoro sia indispensabile per il progresso e la crescita dell’Italia: finanziare la ricerca vuol dire investire sul futuro, dare una prospettiva agli scienziati di domani, seminare quel sapere che sarà la ricchezza del nostro Paese.

Certi della Sua attenzione, Le porgiamo cordiali saluti

Roma, 23/01/2018                     Il personale precario dell’INGV

Annunci

Ieri, 5 maggio, il Gabinetto del MIUR ha inviato al Presidente dell’INGV, Prof. Stefano Gresta, il Decreto Ministeriale attuativo della L. 128/2013,  Art. 24, articolo fortemente voluto dell’ex Ministro Maria Chiara Carrozza.

Il D.M. autorizza l’aumento della dotazione organica per l’INGV di 200 posti in 5 anni e l’avvio delle procedure di immissione in ruolo del personale precario.

Questo passaggio segna la fine di 7 anni e 6 mesi di attesa, da quando l’INGV nel 2008 è rimasto l’unico Ente Pubblico a non aver usufruito del processo di stabilizzazione voluto dal governo Prodi per far fronte al dilagante problema del precariato.

Ora i lavoratori INGV, ed in particolare il “precariato storico”, possono guardare al futuro con una nuova prospettiva. E questo è un bene per tutti, perché la preparazione scientifica delle persone coinvolte e il loro impegno costituisce una risorsa fondamentale per la tutela del territorio e per il prestigio scientifico dell’Italia nel mondo.

Cinque anni per completare questo percorso non sono pochi, ma è comunque un buon inizio.

E’ stata, la nostra, un’attesa lunga, snervante e carica di senso di impotenza di fronte al prolungarsi di una situazione ingiustificabile, non solo dal punto di vista dei lavoratori precari, ma da quello dell’investimento fatto per la loro formazione e per la tutela del territorio. L’INGV è punta di diamante al livello mondiale nell’ambito delle scienze della Terra e questo grazie, principalmente, alla produttività e all’entusiasmo del personale non di ruolo, da quasi vent’anni.

Non è questo il momento dei ringraziamenti, ma il personale a tempo determinato INGV sa chi sono stati i promotori di questa iniziativa e ne renderà merito, così come l’Art. 24 della L. 128/2013 rende merito del loro costante impegno per il Paese.

Leggi la notizia ANSA.

Image

[…] coda timbro firma passa 
burocrazia 
l’Italia si squaglia come 
burro e pazzia […]

[…] tutti pronti per la partenza 
ma da anni è una finta partenza […]

Così canta Fabri Fibra in “Pronti, partenza, via!” e sembra la storia del precariato INGV.

A Novembre 2013 il MIUR avrebbe dovuto emettere un Decreto Ministeriale per autorizzare l’aumento di dotazione organica imposto dalla L. 128/2013 approvata dal parlamento a guida Letta e dal MIUR a guida Carrozza. A sei mesi di distanza ancora non si ha traccia di questo semplicissimo DM. Unica notizia è che sia arenato al Ministero dell’Economia e Finanze. Non se ne capiscono le ragioni e francamente alla luce della minaccia di ulteriori tagli ai fondi per la ricerca (ora, sembra, rientrata) siamo molto preoccupati di essere di fronte all’ennesima falsa partenza, l’ennesima beffa che riterremmo assolutamente insopportabile.

La FLC-CGIL ha inviato ieri al MEF una richiesta di spiegazioni e un sollecito che di seguito riportiamo.

Image

Oggi Giovedì 12 Aprile 2012 si è svolto un sit-in degli Enti Pubblici di Ricerca davanti al MIUR (Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca) a Roma, gestito dal Ministro Profumo.

Qui trovate il comunicato sindacale unitario di FLC-CGIL, FIR CISL e UIL RUA.

Fra gli altri Sky TG e l’Ansa hanno girato dei servizi che trovate riportati qui sotto e in cui i precari dell’INGV e di altri Enti descrivono la situazione e le criticità del precariato nel nostro comparto.

Ansa MIUR

L’INGV apre le porte al pubblico per tutta la giornata e propone incontri con i ricercatori, visita alla sala di monitoraggio,
visite guidate all’esposizione interattiva sui terremoti e sul campo magnetico terrestre, brevi video su YouTube/INGVterremoti
per spiegare il fenomeno terremoto sotto vari aspetti e aggiornamenti sull’attività sismica dalla sala di monitoraggio,
distribuzione di gadget, libri e materiale informativo (scarica programma). (pdf 600 kb)

Il nostro chiodo fisso, che dovrebbe essere anche quello di voi che leggete, sono la Ricerca e la Prevenzione. Ma Chiodo Fisso è anche una trasmissione radiofonica di Radio 3, che per un mese tutti i giorni si occupa con continuità di un argomento. A Febbraio l’argomento è LA RICERCA. Riportiamo 2 interviste fra le tante che potete comunque trovare sul sito della trasmissione.

Intervista a una ricercatrice dell’ISFOL in rappresentanza della Rete Ricerca Pubblica.


Intervista a un ricercatore (precario) dell’INGV.

L’Italia sembra essere piombata in una specie di medioevo culturale, in cui i ricercatori sono trattati come una setta chiusa che espelle gli eretici e nasconde le verità o la sua incapacità. Non è un caso che sia diventato uno sport nazionale di questo o quel politico, di questo o quel giornalista, quello di bollare come “inutili” gli Enti Pubblici di Ricerca.

Non è un caso che questo accada in un paese che non ha mai voluto prevenire i disastri che lo hanno duramente colpito e che con questo non ha mai voluto proteggere se stesso.

Dopo il terremoto che ha colpito L’Aquila il 6 Aprile 2009 questo atteggiamento anacronistico e antiscientifico è esploso nella forma di una polemica che in altri paesi importanti e che investono molto più di noi in ricerca, desta preoccupazione: previsione contro prevenzione. E la polemica contribuisce ancora una volta ad allontanare il nostro paese e la gente che ci vive dalla sicurezza di sopravvivere al territorio e ai fenomeni naturali.

Riportiamo di seguito un frammento di un paragrafo estratto da un importante manuale internazionale di sismologia.

tradotto da:

Nuovo Manuale di Pratica delle Osservazioni Sismologiche
(Edizione 2002) dello
IASPEI (International Association of Seismology and Physics of the Earth’s Interior)
Capitolo 8 – Reti Sismiche, di Amadej Trnkoczy, Jens Havskov and Lars Ottemöller
Par. 8.2 – Scopi di una rete sismica
Il compito di fornire un allarme sismico, che richiede una risposta immediata
dopo forti terremoti, ha lo scopo di difendere la popolazione attraverso la mitigazione delle conseguenze sociali ed economiche in seguito a terremoti distruttivi. I governi, che spesso finanziano nuove reti sismiche, enfatizzano questo obiettivo. […]
Il monitoraggio sismico contribuisce nel lungo termine alla mitigazione del rischio sismico di una regione o un paese, e allo stesso tempo contribuisce a studiarne la sismotettonica. Le mappe di rischio sismico di un paese possono essere prodotte in modo da permettere lo sviluppo e l’implementazione di appropriati codici di costruzione. Nel lungo termine, i codici di costruzione antisismica sono molto efficaci nella mitigazione del rischio sismico. […]