Posts contrassegnato dai tag ‘ministero’

Alcuni momenti della consegna al C.d.A. riunitosi oggi, delle oltre 600 firme del personale INGV, raccolte in soli due giorni a supporto di un accordo con l’Amministrazione sui rinnovi e sulla la continuità contrattuale.

Lo slogan è ancora, come si vede dalle foto, “Si può fare!“.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

La mobilitazione per i rinnovi contrattuali dei lavoratori a tempo determinato (i precari) dell’INGV e per il necessario aumento della dotazione organica dell’Ente … continua, con contributi da tutte le sedi.

Siamo un motore di Ricerca e quindi del Paese … e vogliamo continuare a esserlo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oggi Giovedì 12 Aprile 2012 si è svolto un sit-in degli Enti Pubblici di Ricerca davanti al MIUR (Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca) a Roma, gestito dal Ministro Profumo.

Qui trovate il comunicato sindacale unitario di FLC-CGIL, FIR CISL e UIL RUA.

Fra gli altri Sky TG e l’Ansa hanno girato dei servizi che trovate riportati qui sotto e in cui i precari dell’INGV e di altri Enti descrivono la situazione e le criticità del precariato nel nostro comparto.

Ansa MIUR

Roma, 21 ott – Pianificare come investire un miliardo e 655 milioni piu’ un ulteriore 7% di risorse che saranno assegnati agli enti pubblici di ricerca. Questo l’obiettivo dell’incontro che il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Mariastella Gelmini, ha avuto oggi, a Palazzo Chigi, con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, e i neopresidenti di 12 enti di ricerca […].

Questo il contenuto di una Agenzia [vedi qui] uscita alcuni giorni fa.

Ieri sera a Ballarò il Ministro Gelmini, fra le molte cose che ha detto a supporto dell’operato del Governo, ha buttato li una frasetta che ai più sarà sfuggita e il cui sunto è “abbiamo messo nuovi fondi in Università e Ricerca“.

Né l’Agenzia è mai diventata una notizia né la frasetta è stata troppo enfatizzata dalla ministra.

Forse perché è una indifendibile balla.

NON E’ VERO!! È propaganda elettorale. NON CI HANNO MESSO UN EURO IN PIÙ IN SVILUPPO E SICURAMENTE NON IN RICERCA. A dire il vero il direttore del Miur, Agostini (vedi l’agenzia) fra le righe l’ha detta la verità [Per quanto riguarda i fondi, si tratta ”della ripartizione del Fondo ordinario di finanziamento degli enti pubblici di ricerca per l’anno 2011].

Agostini non ha però, volontariamente presumiamo, spiegato le sue stesse parole, che ai più risultano quindi  incomprensibili.

Le cose stanno così:

1) per finanziare il PNR (Piano Nazionale della Ricerca) con apposito decreto nel 2010, hanno stabilito di tagliare il 7% dei fondi ordinari degli Enti Pubblici di Ricerca e di sommarvi una quota presa dal Fondo FAR (Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca, creato nel lontano 1999 dal governo precedente a quello “Berlusconi 2001”)

2) hanno deciso di tagliare un ulteriore 8% dei fondi ordinari degli Enti Pubblici di Ricerca

Il 7% e l’8% insieme fanno un bel 15% di tagli ai fondi ordinari degli Enti (cioè quelli relativamente stabili su base annuale che ne garantiscono il funzionamento).

Questi soldi, che quindi NON SONO NUOVI FINANZIAMENTI, poi ce li ridanno, sempre seguendo il PNR, sotto forma di discutibilissimi “Progetti Bandiera” e “Progetti Premiali”.

Ovviamente i suddetti progetti non vedranno gli Enti riprendersi esattamente quanto è stato loro tolto singolarmente, ma porteranno una ridistribuzione basata sul peso che ogni Ente avrà nei progetti stessi … e questo ovviamente a seconda dei progetti che saranno approvati farà si che alcuni Enti vedranno sfumare parte dei soldi che l’anno prima ne garantivano il funzionamento a regime.

In sostanza: non esiste nessun nuovo investimento in ricerca ma solo una differente distribuzione degli stessi soldi di prima.

E’ con queste risorse” – ha concluso Gelmini – ”che si apre il secondo tempo della legislatura: dopo il piano di risanamento stiamo entrando nella fase di sviluppo e investimento.

Quello di annunciare “nuovi investimenti in Ricerca” che ci farebbero entrare “nella fase di sviluppo” è un bieco tentativo del ministro di vendere fumo per coprire tutto quello che non è stato colpevolmente fatto per lo sviluppo negli ultimi tre anni, quando c’era ancora margine per operare.

Dopo circa 21 anni dalla legge n. 168 del 1989 in cui veniva riconosciuto alle Università Italiane il diritto di autonomia statutaria così come espressamente richiamato dall’articolo 33 della Costituzione della Repubblica Italiana, con la legge n. 165 del 2007 (modificata in seguito con l’articolo 27 della legge n. 69 del 2009) anche per gli Enti Pubblici di Ricerca (EPR) vigilati dal Ministero dell’Università e della Ricerca, si è inteso procedere alla realizzazione di statuti autonomi, corrispondendo in tal modo al dettato costituzionale.

A questo fine il decreto legislativo n. 213 del dicembre 2009 definisce le modalità e i limiti per la realizzazione di questi statuti (di enti quali il CNR, l’INAF, l’INGV). Di fatto  questo decreto restringe i limitati margini di autonomia imposti dalla legge delega con vincoli che minano alla base la dichiarata autonomia statutaria. [Continua a leggere e firma … ]

Grazie alla giornalista di “Inviato Speciale” (Rai Radio 1), Marilù Merolla, che ha voluto sviscerare il problema, abbiamo potuto esporre la nostra situazione di precari INGV, sempre più critica, e più in generale quella in cui versano i precari della ricerca.

L’intervista non riporta solo le nostre parole, ma anche, tristemente, la conferma delle nostre parole da parte di Antonio Naddeo, Capo Dipartimento della Funzione Pubblica.

Stiamo perdendo ogni diritto al futuro per noi e per i nostri figli … e sta avvenendo per legge!

Il servizio inizia al minuto 13:40. Il file è in formato .ram e lo potete ascoltare all’indirizzo Rai cliccando l’immagine qui sotto.

Vi consigliamo di ascoltare con particolare attenzione il minuto 20:55, quando si affronta il problema della pianta organica … cruciale e irrinunciabile per l’INGV e il minuto 23:35 quando si parla di futuro, pensioni e prospettive per i precari di questo paese. In entrambi i casi è emblematica e istruttiva, nella sua schiettezza, la risposta di Naddeo.

Noi non ci arrenderemo mai …

Servizio sui precari degli Enti Pubblici di Ricerca