Posts contrassegnato dai tag ‘inran’

Una politica ben lontana da temi fondamentali come quelli del lavoro ha creato aberrazioni e situazioni dannose non solo ai lavoratori ma al Paese stesso.
Prendiamo l’Ente Pubblico di Ricerca ISFOL (vigilato dal Ministero del Lavoro) dove un sistema di false collaborazioni perpetrato per anni a scapito dei lavoratori (210 collaboratori, tutt’ora precari nell’Ente) rappresenta un caso da manuale di come la cattiva flessibilità si trasformi in precarietà.

La riforma Fornero a parole vorrebbe risolvere la precarietà ma nei fatti non risolve nemmeno la situazione esistente nel “suo” Ente di ricerca. Per il Ministro, dunque, meglio disoccupati che precari.
L’assurda mancanza nella politica del tema del lavoro ha reso l’Italia, con Berlusconi prima e Monti ora, il paese con il maggior numero di lavoratori precari rispetto al resto d’Europa: la richiesta di flessibilità (una certa percentuale di mobilità+tutele) partita anni fa dall’Europa, giusta o sbagliata che fosse, si è trasformata in Italia in precarietà (percentuali di lavoro a tempo determinato ormai a livelli incontrollabili e nessuna tutela).
Il governo Monti aprì sul problema del precariato ipotizzando di “togliere di mezzo tutti i contratti atipici e di sostituirli con un’unica forma di ingresso al lavoro valida per i nuovi assunti” con l’intenzione di “disboscare questa giungla che determina incertezza dei percorsi professionali, allontana la stabilizzazione dei rapporti di lavoro, provoca un alto contenzioso davanti ai giudici.”
Ma a oggi che cosa è successo? Che cosa è migliorato? Niente. Le situazioni stanno invece degenerando. L’ISFOL, l’INRAN, e ricordiamo la difficilissima situazione presente da noi, all’INGV, l’Ente Pubblico di Ricerca che rappresenta una sommatoria di disastri e scelte politiche errate che hanno intrappolato 400 precari di cui 200, pur essendo in lista di stabilizzazione, MAI stati stabilizzati, 35-45enni che oggi, invece d’inseguire faticosamente la ricerca, dovrebbero invece essere pronti a dirigerla.
Spesso la politica ci ha sbeffeggiati e derisi: ‘bamboccioni’, ‘capitani di ventura’, ‘sfigati’, desiderosi di un posto fisso ‘monotono’, ‘choosy’,….. forse è il caso di riconoscere la nostra alta professionalità, la nostra passione, la nostra sofferenza. Gli Enti all’interno dei quali lavoriamo esistono anche grazie a noi, al nostro lavoro, alle nostre collaborazioni, alla nostra esperienza. Portateci rispetto, ascoltateci, aprite un dialogo serio e profondo, ma senza aspettare troppo, il tempo passa, i nostri anni aumentano e noi siamo sempre più precari.
Necessitano urgentemente norme che ci tutelino, che difendano i lavoratori per evitare l’abuso dei contratti a tempo determinato che mascherano rapporti duraturi; necessitano norme di civiltà, norme di giustizia, è un nostro diritto e non è possibile che i nostri diritti vengano sempre, puntualmente, drammaticamente, calpestati.

Annunci

Ci siamo lasciati poco dopo il 18 Luglio, quando era stato appena firmato il sudato Accordo Decentrato di Ente per il rinnovo dei contratti di lavoro di 200 di noi fino al 2016 e per il riconoscimento dell’anzianità di servizio e della continuità contrattuale (senza alcuna garanzia di rinnovo però) per altri circa 100 precari i cui stipendi gravano su fondi di progetti esterni (per esempio Europei).

In questo momento siamo però ancora in attesa dell’effettiva attuazione di quell’accordo e cioè, in particolare, dell’aggiornamento dei contratti al 2016.

La strada verso questo accordo è stata talmente complessa e inutilmente faticosa che … solo quando la data di scadenza apposta sui nostri contratti sarà stata cambiata, considereremo chiuso quantomeno l’aspetto formale di questa storia.

Resta purtroppo, come una spada di Damocle, la clausola della “verifica annuale della disponibilità economica” che, lo ricordiamo, vuol dire che se il MIUR, per esempio, dovesse decidere di tagliare i fondi all’INGV, i primi a saltare saremmo proprio noi precari (in particolare gli aventi diritto alla stabilizzazione dato che gravano sui fondi ordinari).

Se pensate che questo sia un piagnisteo insensato di fronte alle centinaia di migliaia di disoccupati che stanno affollando l’Italia, vi sbagliate.

La ricerca è trattata in Italia in un modo indegno e gli Enti Pubblici di Ricerca, potenziali fonti di risparmi miliardari e di sviluppo (quindi di lavoro anche per altri), sono considerati alla stregua di qualunque ufficio pubblico amministrativo.

Si capisce dal fatto che per i nostri amati governanti  rilanciare la Ricerca significa sempre e solo accorpare gli Enti in base al nome o alla funzione, proporre ulteriori tagli e/o trasformarli in Agenzie dei Ministeri, cioè in cagnolini del governo di turno. Si vede che gli Enti di Ricerca sono visti più come un fastidio che come una risorsa.

In teoria accorpando gli Enti (come anche le fabbriche) si possono risparmiare figure dirigenziali amministrative ma, in sostanza, non sono quelle le persone che di solito saltano nella pubblica amministrazione (in un modo o in un altro quelli li sistemano, magari altrove, o li pre-pensionano) ma in genere sono i dipendenti, soprattutto se precari, a vedersela male.

L’INRAN, nostro Ente vicino di casa della sede di Roma, dopo aver già inglobato altri Enti in passato, è stato ora a sua volta accorpato al CRA  e come conseguenza, da agosto, i dipendenti non vedono un Euro. L’Amministrazione non paga i loro stipendi. Come e fosse una cosa normale che una famiglia che ha due euro in banca, per due mesi non abbia entrate. Come se fosse normale che per la totale incapacità dirigenziale a tutti i livelli, una serie di persone/famiglie debbano trovarsi a elemosinare quanto gli è dovuto e per giunta in una media assenza di informazioni serie, seppure in presenza di molta solidarietà ministeriale a chiacchiere varie.

Anche supponendo che entro Dicembre gli sia restituito quanto al momento gli stanno RUBANDO, è palesemente incerto, molto incerto, il futuro dei precari (ci sono co.co.co. da 10 anni 10) dopo l’accorpamento al CRA.

Quanto sta accadendo ai colleghi dell’INRAN, oltre ad essere SCANDALOSO, è anche un monito. Per tutti i lavoratori, pubblici e privati.

Dicono che i soldi mancano, quindi fanno tagli e accorpamenti giustificati dalla razionalizzazione. La razionalizzazione dovrebbe essere la norma ma in Italia proprio non lo è. Quindi quando la si fa non tocca certo mai gli sprechi veri (men che meno gli scandali milionari della politica) ma si abbatte sui lavoratori seri. Sulle vere risorse umane.

Nel frattempo il governo, a proposito di razionalizzazione, non ha un piano industriale (e cosa più grave non affronta la ri-conversione industriale unica vera salvezza di molti impianti come quelli FIAT), non ha un piano energetico, non ha un piano per la Ricerca … ha solo un piano per raschiare il fondo del barile gettando i nostri soldi nella voragine della finanza e della ancora dilagante corruzione.

I grandi luminari dell’industria poi, bel lungi dall’investire in Ricerca, continuano a chiedere a ogni governo l’abbassamento dei salari e delle tutele ma pretendono anche che noi, che siamo quelli che rischiano di più, paghiamo sempre di più prendendo sempre di meno, e poi anche che non smettiamo di spendere i nostri soldi per i loro prodotti … Dicono che altrimenti la gente perderà il lavoro perché saranno costretti a chiudere le fabbriche … che tanto chiundono comunque e la gente perde comunque il lavoro.

Si, i precari dell’INGV hanno in mano, fino a prova contraria, un accordo per un rinnovo, ma non sono tranquilli: non lo sono per la situazione generale del Paese, per quella degli Enti di Ricerca, sempre di più visti come Agenzie controllate dai ministeri e comunque sotto lo scacco dei tagli al budget, e nemmeno per quella dell’INGV stesso che purtroppo a tutti i problemi di cui sopra aggiunge quello che per noi è peggio di una gabbia: l’INGV dal 2001 non ha una pianta organica adeguata e nessuno che ne avrebbe il potere sembra VOLERE risolvere il problema … anzi secondo la legger n. 135 del 2012 le pubbliche amministrazioni devono tagliare del 10% le dotazioni organiche: così, un po’ alla Tremonti, senza entrare nel merito. Bah.

Abbiamo la sensazione che lassù qualcuno decisamente non ci ami … e poi si parla di fuga dei cervelli e, ancora più ridicolmente, di rientro dei cervelli.

Ma se sono “cervelli” saranno mica tanto stupidi da rientrare, no?

PS: solo mettendo insieme i soldi rubati da pochi dei politici assurti alle cronache nell’ultimo anno, si potrebbero pagare gli stipendi dei precari INGV+INRAN per almeno 10 anni. E non dovremmo essere furiosi? Ma quanta pazienza abbiamo noi? E quanta ne avete voi?

A Roma, davanti al parlamento dove, da diversi anni, passa ogni nefandezza contro Scuola, Università ed Enti Pubblici di Ricerca, ieri c’è stata una manifestazione contro il DDL Gelmini sull’Università.
La discussione del provvedimento è stata rinviata perché la Tesoreria dello Stato, casualmente un giorno prima della manifestazione, ha dichiarato la mancanza di copertura finanziaria per alcuni emendamenti.
Lascio ogni commento al video de “Il Fatto Quotidiano” sulla piazza e poi a quello di Repubblica TV sull’irruzione di una parte dei manifestanti alla CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane)

 

Irruzione alla CRUI da Repubblica TV

La neo-nata Rete della Ricerca Pubblica ha pubblicato un video-spot sul futuro della ricerca dopo la finanziaria, in questo martoriato, smemorato e autolesionista Paese … che però ha ancora una speranza: la rete!

Diffondete lo spot e il blog.

Il messaggio della Manovra Finanziaria è il seguente:

  1. gli Enti Pubblici di Ricerca, funzionanti, produttivi, liberi e indipendenti … sono solo un fastidio
  2. essere lavoratori onesti e poco tutelati è una colpa da espiare col licenziamento
  3. gli eroi di questo paese sono evasori fiscali e costruttori abusivi

Ma come si fa? E al danno si aggiunge la beffa.

Sono giorni che, bozza dopo bozza, gli Enti Pubblici di Ricerca, uno alla volta, scompaiono, ricompaiono, vengono dimezzati, scorporati e re-incoroprati. Sembra di assistere ad un cinico Risiko: il CNR conquista con due carri armati il Kamchatka (cioè l’OGS, che si mobilita in assemblea permanente) e la Jacutia (cioè l’INAF). L’INGV viene attaccato dalla Protezione Civile (ricordate il famigerato Art. 12 del decreto Protezione Civile S.p.A.?), poi dal MIUR, ma si difende con tre carri armati e resiste. L’ISFOL è inizialmente soppresso, poi resuscitato e riesce a conquistare anche un continente (l’IAS, soppresso e annesso all’ISFOL). Ultimo aggiornamento: l’ISAE, soppresso e conquistato dal Ministero dell’Economia, contrattacca.

La cosa paradossale, che dimostra (a voler pensar bene) una pochezza da fare spavento, è che gli Enti Pubblici di Ricerca sono GIA’ sotto riordino per una legge delega dell’ex Ministro Mussi del governo Prodi che avrebbe dovuto iniziare l’iter 1 anno e mezzo fa. La Gelmini non solo se l’è presa comoda, ma per giunta invece di pensare e proporre alle parti un piano coerente di riordino che ha fatto? Ha delegato gli Enti a riordinarsi!!

E il governo che fa? Sovrappone ad un iter legale potenzialmente positivo uno sconclusionato, schizofrenico e raffazzonato provvedimento in manovra finanziaria. Il consenso poi lo si costruisce ad hoc, puntando sulla disinformazione dell’italiano medio cui viene dato a bere che si tratta di “Enti Inutili”. INUTILI SARETE VOI! Purtroppo anche dannosi.

Questo per quanto riguarda le soppressioni e gli accorpamenti. Poi c’è la manovra finanziaria nel suo dettaglio. Il vero schifo.

Se la manovra finanziaria restasse così com’è adesso, a prescindere da scioglimenti, soppressioni, scorporamenti e accorpamenti, per i 400 lavoratori precari dell’INGV tornerebbe lo spettro del licenziamento e per l’INGV stesso torna il rischio paralisi totale.

Dal 2011 infatti la spesa per i precari dovrebbe scendere al 50% di quella del 2009;

Il turn-over (un pensionamento = un’assunzione) è bloccato al 20% fino al 2013; considerato che noi siamo un ente con una bassa età media, potremo al limite assumere una gamba (ginocchio incluso).

Infine si riflette su di noi il taglio subito dal Dipartimento Protezione Civile (DPC), con un 30% di finanziamento in meno nella Convenzione col Dipartimento stesso.

Il primo punto per noi significa che la metà dei precari, la spina dorsale di questo Ente, quasi tutti con contratti in scadenza entro il 2011, e relative famiglie, rischiano di andarsene a casa … in un unica soluzione. Forse proprio a loro non è ancora abbastanza chiaro che questo rischio è concreto.

Il secondo punto per noi è la beffa finale. A noi serve l’autorizzazione ad assumere in DEROGA al turn-over (perché non va in pensione nessuno). Invece lo bloccano. E la nostra dotazione organica (il massimo numero di posti fissi consentito) è bloccata a 582 unità (la metà dei reali dipendenti)!

Il terzo punto: il Parlamento ha impegnato per almeno 4 volte il governo (le ultime 3 con parere favorevole del governo stesso) a risolvere la situazione paradossale in cui versa l’Ente, attraverso l’aumento della dotazione organica e l’autorizzazione ad assumere intanto gli aventi diritto (stabilizzandi). Promesse distribuite nell’arco degli ultimi due anni, ma rimaste tali.

Adesso il legislatore si mostra le vere intenzioni: mandare a casa un po’ di gente.

Nella classifica di Science Watch per il periodo 2000-2010 l’INGV risulta il terzo istituto di geofisica al mondo per numero di citazioni e pubblicazioni, dopo gli americani dell’USGS e del CALTECH e prima dei Giapponesi. E allora come giustificare provvedimenti che sviliscono la ricerca e impoveriscono il futuro di un paese?

Scriveva Cicerone duemila anni fa “Quo usque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?”.
Traduciamo per gli ignoranti al governo: “Fino a quando, Catilina, continuerai ad abusare della nostra pazienza?“.

INRAN, stabilizzazione precari

Pubblicato: gennaio 15, 2009 da emgi in documenti
Tag:, , ,

Primi risultati positivi per le stabilizzazioni: dal 1 gennaio 2009 le prime 6 assunzioni e sta per essere emanato il DPCM autorizzativo per le ulteriori 9 assunzioni.

Nel frattempo prosegue il confronto per salvaguardare il diritto alla stabilizzazione di tutto il restante personale precario; rinnovati per un anno anche tutti i contratti di collaborazione considerati “storici”.
Riprendono le trattative sulle applicazioni contrattuali (vedi comunicato unitario).

Roma, 14 gennaio 2009
_____________________________________________________________________________________

FLC Cgil – CISL FIR – UILPA UR
Comunicato

Nel corso dell’incontro dell’8 gennaio 2009 tra il Presidente dell’INRAN e le OOSS sono state affrontati i seguenti argomenti:

  • stabilizzazione del personale
  • applicazione art. 52 CCNL 2002
  • applicazione art. 15 CCNL 2006
  • regolamento prestazioni per conto terzi
  • aggiornamento lavori di ristrutturazione

Relativamente alle stabilizzazioni il Presidente ha proceduto dal 1° gennaio 2009 con l’assunzione dei primi 6 stabilizzandi (5 ric e 1 CTER) utilizzando le risorse del turn over 2006, per le quali non era necessaria l’autorizzazione; mentre si è in attesa del DPCM per procedere con le altre 9 assunzioni con le risorse del turn over 2007 prorogate fino a giugno 2009 dal decreto “milleproroghe”.
Il Presidente ha confermato la volontà di salvaguardare il diritto alla stabilizzazione anche per tutti gli altri stabilizzandi inseriti nelle graduatorie procedendo con l’individuazione delle risorse del turn over 2008, il tutto entro giugno 2009.[…]

leggi tutto:

http://www.flcgil.it/notizie/news/2009/gennaio/inran_stabilizzazione_precari_primi_risultati_positivi