Lo sviluppo e quindi il rilancio e la stabilità dell’economia passano per gli investimenti in ricerca e questo lo dimostrano i Paesi più forti dell’area Euro. Dunque lo sviluppo passa per il rilancio delle competenze e la tutela delle persone che le hanno.

Tuttavia gli Enti Pubblici di Ricerca, in Italia, sono vessati non solo da scarsi finanziamenti ma anche da assurdi cavilli burocratici che stanno producendo una crescente fuga verso l’estero.

In questo panorama e per la prima volta da anni, c’è uno spiraglio di luce e di buonsenso che emerge proprio dai lavori dell’attuale Parlamento: un emendamento (58.11) all’Art. 58 del DL 69/2013 (Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia, il cosiddetto “decreto del fare”) che se approvato, come speriamo, darebbe un po’ di ossigeno a Enti che, come l’INGV, versano ormai in una situazione intollerabile per il precariato storico di altissimo profilo scientifico.

L’emendamento in pratica consente agli Enti di Ricerca che abbiano personale stabilizzando relativo alle Leggi Finanziarie 2007 e 2008 e/o personale che abbia superato il 5° anno di lavoro a t.d. (come da Contratto Collettivo Nazionale della Ricerca) di aumentare la propria dotazione organica in modo da essere almeno messo nelle condizioni di assumerlo NEL CASO CI SIANO GIA’ I SOLDI per farlo. Dunque è una operazione di civiltà e buon senso a COSTO ZERO per lo stato che permetterebbe agli Enti di assumere personale qualificato che già svolge un lavoro essenziale per l’Ente da anni.

Nel caso dell’INGV questo consentirebbe di risolvere una situazione assurda per cui delle circa 900 persone che mandano avanti l’istituto che dal 2008 è il terzo per importanza al livello mondiale nella sismologia, solo 500 ne sono ufficialmente riconosciute. Le altre, noi precari, producono conoscenza, svolgono divulgazione, fanno monitoraggio per la Protezione Civile ma… essenzialmente non sono considerate come parte dell’Ente.

Raccomandiamo a tutte le forze politiche e al Governo di approvarlo, dimostrando la volontà di iniziare un percorso fruttuoso di sostegno e rilancio alla Ricerca.


Raccomandiamo ai Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca di sostenerlo con forza e determinazione.

Chiediamo a chi legge queste righe di sostenere l’approvazione di questo emendamento nelle commissioni in cui viene discusso

Link al decreto legge:

http://www.camera.it/leg17/126?idDocumento=1248

Link all’elenco degli emendamenti del decreto:

http://www.camera.it/_dati/leg17/lavori/bollet/201307/C1248/1248_ARTICOLI.htm

TESTO:

1-bis) Fermo restando che l’accesso ai ruoli della pubblica amministrazione è comunque subordinato all’espletamento di procedure selettive di natura concorsuale o prevista da norme di legge, al fine di consentire agli Enti Pubblici di Ricerca di svolgere con pienezza le proprie funzioni istituzionali tramite il consolidamento in ruolo del personale in possesso dei requisiti di cui agli articoli 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e 3, comma 90, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, nonché del personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 5, comma 2, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro degli Enti Pubblici di Ricerca sottoscritto in data 7 aprile 2006, i medesimi Enti, previa autorizzazione dei Ministri vigilanti, sono autorizzati alla rideterminazione della propria dotazione organica, in ragione dei finanziamenti di origine governativa, entro il limite dell’80 per cento delle proprie entrate correnti complessive, come risultanti dal bilancio consuntivo dell’anno precedente, e comunque senza oneri aggiuntivi a carico dello Stato. La rideterminazione è eseguita senza incremento di posti dirigenziali.
58. 11. Firmatari: Miccoli, Coscia, Mosca, Agostini, Albanella, Fontana, Laforgia, Madia, Martelli, Tidei.

Annunci
commenti
  1. Argentini Claudio ha detto:

    una informazione di servizio. che tempi abbiamo rispetto al calendario di votazioni? Dr Claudio Argentini

    Global Health Unit

    Department of Therapeutic Research and Medicines Evaluation

    Istituto Superiore di Sanità

    ________________________________________

  2. […] E' finalmente cosa buona e giusta […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...