Archivio per aprile, 2012

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Dal canale Youtube “Io Giornalista” di A. Marolda, un’intervista ai precari dell’INGV che affronta numerosi aspetti dello specifico problema dell’INGV anche nel contesto del trattamento che il nostro paese riserva alla Ricerca .

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oggi Giovedì 12 Aprile 2012 si è svolto un sit-in degli Enti Pubblici di Ricerca davanti al MIUR (Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca) a Roma, gestito dal Ministro Profumo.

Qui trovate il comunicato sindacale unitario di FLC-CGIL, FIR CISL e UIL RUA.

Fra gli altri Sky TG e l’Ansa hanno girato dei servizi che trovate riportati qui sotto e in cui i precari dell’INGV e di altri Enti descrivono la situazione e le criticità del precariato nel nostro comparto.

Ansa MIUR

http://video.repubblica.it/

Alla vigilia del terzo anniversario della tragedia dell’Aquila, i ricercatori dell’Ingv (Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia) sono entrati in agitazione perché fine anno, oltre 200 di loro saranno licenziati. Sono gli stessi che nei giorni del sisma affrontarono la prima emergenza. E che oggi studiano come prevenire altri disastri. Il governo tace sulla loro sorte. Ernesto Manfrè ha sentito Raffaele Di Stefano, sismologo precario quarantenne, con anni di studio passati all’estero

L’INGV ha 1000 dipendenti ma, di questi, 400 sono fuori da una pianta organica OBSOLETA che non riconosce la dignità dell’importante lavoro di RICERCA e SERVIZIO svolto da anni da personale altamente qualificato. Abbiamo chiesto un incontro ufficiale al Ministro Profumo, ma ad oggi non abbiamo avuto alcuna risposta. A distanza di 3 anni e mezzo dal 1° Ottobre 2008 i precari dell’INGV sono nuovamente costretti ad avviare lo stato di agitazione.

Il video seguente ne testimonia le prima azioni intraprese dai precari, dopo la lettera al silente Ministro Profumo.