Archivio per marzo, 2011

A due anni dal terremoto del 6 Aprile 2009, da L’Aquila i cittadini lanciano una legge di iniziativa popolare per liberare la ricostruzione della loro città dalla lente distorcente delle leggi speciali in deroga alle leggi già esistenti e riprendere il controllo del proprio futuro.

Rilanciamo volentieri la raccolta firme. Il banner di questa iniziativa resterà nella colonna di destra del nostro blog fino a raggiungimento dell’obiettivo.

Dal sito “L’Aquila Anno 1“.

La legge di iniziativa popolare nasce dalla necessità dei cittadini aquilani di gestire il post-terremoto con regole certe, previste per legge e non soggette ad ordinanze più o meno convenienti e urgenti, normalmente in deroga a leggi e norme esistenti già nella giurisprudenza italiana. [Continua a Leggere]

Considerando l’altissima magnitudo del terremoto del Giappone (8.9, un’energia quasi trentamila volte superiore alla scossa che il 6 Aprile 2009 ha colpito L’Aquila), la percentuale di strutture crollate a causa delle oscillazioni del terreno è notevolmente contenuta. Questo rappresenta una prova di grande intelligenza e lungimiranza da parte dello Stato e del popolo Giapponese e una lezione per tutti, ricordando che in un’area ad alta pericolosità sismica (come è gran parte dell’Italia) la messa in sicurezza degli edifici pubblici e privati DEVE essere considerata un punto di partenza.

Ma il violento maremoto (Tsunami) che ne è seguito non ha purtroppo lasciato scampo nemmeno a una nazione così lucida e preparata.

Dato l’enorme impatto emotivo che l’evento necessariamente genera su tutti noi, anche su chi queste cose le studia, pensiamo sia imprescindibile una corretta comprensione del fenomeno degli Tsunami.

Per questo pensiamo che sia utile diffondere questo video didattico sugli Tsunami, presente sul Canale YouTube INGVTerremoti.

Prima parte italiano
Seconda parte italiano
Versione Inglese