Una due-giorni di mobilitazione, di alto profilo

Pubblicato: novembre 17, 2008 da anto71 in mobilitazione

In poco più di dodici ore, due eventi importanti hanno visto protagonista l’INGV: la Notte bianca della ricerca, organizzata il 13 sera presso l’Istituto Superiore di Sanità di Roma e lo sciopero generale di Università e Ricerca, proclamato da CGIL e UIL, con la conseguente manifestazione nazionale del giorno successivo, sempre a Roma.

Durante la Notte bianca della ricerca alcuni Presidenti degli EPR hanno ribadito che è grazie alle nostre mobilitazioni che trovano il supporto per tentare col governo difficili mediazioni.

Nella stessa serata uno fra i momenti più interessanti (e divertenti) è stato il collegamento video in diretta, via skype, fra l’aula magna dell’ISS e la sala sismica della sede INGV di Roma. Intorno alle undici di sera il turnista (precario) ha mostrato sinteticamente quali dati arrivano e quali procedure si attivano in caso di terremoto; dall’altro lato, nell’aula magna dell’ISS, centinaia di persone guardavano le immagini su un maxischermo, supportate dal commento non eccessivamente tecnico di un altro ricercatore INGV (precario anche lui) presente in aula. L’ennesima occasione in cui abbiamo mostrato l’importanza di un servizio, svolto per la collettività, che non può sussistere senza un’adeguata attività di ricerca alle spalle.

Ed è proprio grazie alla capacità di mobilitazione dimostrata dai lavoratori di tutti gli EPR che la mattina seguente la testa del corteo nazionale è stata affidata ai ricercatori tecnici ed amministrativi precari degli enti di ricerca. Ad aprire la manifestazione lo striscione “Precari degli enti pubblici di ricerca”: nessun simbolo sindacale, moltissimi lavoratori a reggerlo.

Come precari della sede di Roma, vogliamo rivolgere due ringraziamenti: a tutti i colleghi INGV di ruolo, solidali con la nostra mobilitazione; a tutti i colleghi venuti dalle sedi non romane dell’INGV, in particolare ai colleghi venuti dalla Sicilia, con tanto di notte passata in treno.

Il tutto con buona pace di chi, invece, ha ritenuto di sfruttare questo appuntamento per mostrare la natura del proprio (dis)impegno, ritirando l’adesione allo sciopero in cambio di vaghe promesse.

Ancora una volta, buon proseguimento e buon lavoro a tutt*!

Coordinamento Precari INGV Roma.

Annunci
commenti
  1. antonella ha detto:

    Nella bella e interessante cronaca di “due giorni di mobilitazione” c’è una frase che mi ha lasciato un po’ perplessa e che mi ha spinto a proporre delle semplici considerazioni sul ruolo del sindacato per la difesa dei diritti dei lavoratori.
    La frase che mi ha colpito è :”Ad aprire la manifestazione lo striscione “precari degli enti pubblici di ricerca” :nessun simbolo sindacale, moltissimi lavoratori a reggerlo”.
    Mi rendo conto che la situazione del nostro Istituto potrebbe cambiare in modo grave e che questa minaccia di cambiamento ha “svegliato” molte persone che fino ad oggi non avevano dimestichezza con questioni di “centralità del lavoro”. Ma la cosa che non capisco è il timore di molti a mobilitarsi insieme ad un sindacato che mostra spesso di avere come fine un programma sociale di giustizia e di libertà, oltrechè di difesa dei diritti dei lavoratori. Un sindacato che interpreta un bisogno di democrazia della società intera, degli iscritti e dei non iscritti,dei lavoratori dipendenti o non dipendenti e raccoglie intorno a sè migliaia di persone che credono nella solidarietà e nell’uguaglianza. Un sindacato che pensa che l’istruzione e la ricerca siano beni che non debbano e non possonono essere gestiti in una logica di mercato.
    Questo sindacato, che a differenza di un sindacato corporativo, non può fare a meno di una prospettiva credibile di cambiamento, è composto da persone che possono mettere in discussione
    anche gli errori, i ritardi dei vertici sindacali.
    Penso che in questo momento di crisi e difficoltà sociale ci sia bisogno di un sindacato ancora più forte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...