stato di mobilitazione

Pubblicato: settembre 29, 2008 da H in licenzia-precari, mobilitazione
Tag:, , , , ,

Oggi presso la sede di Roma dell’INGV si è tenuta un’assemblea del personale INGV convocata dal Coordinamento Precari INGV Roma e dalle R.S.U. (CGIL, FIR-CISL e UILPA-UR AFAM) per discutere della sconcertante prospettiva della norma “LICENZIA-PRECARI” e della crociata contro la Pubblica Amministrazione.

All’assemblea, svoltasi nell’atrio principale dell’istituto, hanno partecipato circa 150 dipendenti di ruolo e non. Sono intervenute le RSU che hanno spiegato la criticità dell’emendamento sia in termini di contenuti ( link1, link2) che come tempistica. La “Delega al lavoro in materia di lavori usuranti e di riorganizzazione di enti, misure contro il lavoro sommerso e norme in tema di lavoro pubblico e di controversie di lavoro” (1441 -quater), infatti, continuerà da domani 30 settembre ad essere discussa in Commissione Parlamentare Lavoro, per poi passare in Parlamento dove potrebbe essere approvato in tempi strettissimi.

Dopo le Rappresentanze Sindacali Unitarie hanno preso la parola singoli dipendenti e anche a titolo personale i direttori delle Sezioni Roma1, Roma2 e del Centro Nazionale Terremoti. E’ emersa una generale comunanza di vedute sull’esigenza di mobilitarsi (sono state presentate diverse proposte) e di avviare uno stato di agitazione in coordinamento con le altre sedi nazionali dell’Istituto e anche con altri Istituti di Ricerca (ISFOL e ISPRA hanno già occupato le loro sedi)

Il personale della sede INGV di Palermo riunitosi anch’esso in assemblea ha indetto lo stato di agitazione di tutto il personale attraverso l’osservanza dello stretto orario di servizio (niente missioni con mancato rientro).

Le RSU hanno concluso l’assemblea dando appuntamento a domani 30 settembre alle 14.30 nell’atrio della sede centrale di Roma per aggiornare il personale sull’incontro con il Direttore Generale Dott. Tullio Pepe avvenuto nel pomeriggio di oggi.

Per domani 30 settembre era già in calendario un incontro tra l’amministrazione e le organizzazioni sindacali. Quindi dopo le 15 saranno presenti in sede anche i rappresentanti nazionali di CGIL-CISL e UIL, nonché il Direttore Generale e il Presidente.

Nell’immediato sono state intraprese quindi, da parte del personale della sede di Roma-INGV,

le seguenti iniziative:

  • Esposizione dei due striscioni illustrati nelle foto1 e foto2
  • Pubblicazione di un Comunicato stampa RSU-INGV sullo stato di agitazione
  • Dialogo con il Direttore Generale Tullio Pepe, per avere spiegazioni su come l’Ente intende affrontare questa emergenza.
  • Pubblicazione a breve, sui siti web istituzionali, dei comunicati sull’agitazione del personale
  • Assemblea straordinaria del personale aggiornata a domani ore 14:30, nell’atrio principale Sede di Roma INGV Via di vigna Murata 605
Annunci
commenti
  1. carlo alberto brunori ha detto:

    Bene, qualcosa comincia a muoversi… solamente che è poco!
    Prima tolgono soldi dagli stipendi perché “i dipendenti pubblici sono TUTTI ladri” e non sono produttivi, poi buttano fuori i precari senza minimamente andare a vederne la capacità produttiva…. oltre a bastonarci, ci prendono per i fondelli!

    Gente, ce ne siamo accorti? E’ scoppiata una guerra! E chi dovrebbe GESTIRE il sistema, al contrario sta creando condizioni di malessere.

    Non basta “mobilitarsi”, si deve passare a mostrare all’opinione pubblica il rischio che si corre mettendo in crisi il sistema ricerca.

    I lavoratori dell’INGV hanno il “megafono” del monitoraggio (sismico e vulcanico)?
    Mettiamolo ancora di più al servizio di chi lo finanzia (noi, gli italiani). Usiamolo per far sapere come chi dovrebbe gestire, costruire, al contrario demolisce tutto.

    raccogliendo alcune proposte di “azioone”:
    – comunicare dalle sale di monitoraggio solo con DPC lo stretto indispensabile
    – a giornalisti e altri: leggere un comunicato di denuncia
    – nei prossimi tempi, che siano i precari a gestire il monitoraggio; che sia evidente il rischio di continuare sulla strada del pressappochismo

  2. Raffaele ha detto:

    Notizie spot:

    – se l’emendamento è approvato oggi in commissione lavoro, sembra che sarà posta la fiducia alla camera il 7 Ottobre. La fiducia implica l’approvazione sicura data la maggioranza.

    – Liberazione oggi pubblica un articolo in prima pagina sull’emerdamento (http://www.liberazione.it/).

    Alle 10:00 di oggi inizia un’assemblea straordinaria dell’INRAN, l’istituto della nutrizione vicino alla sede centrale INGV di Roma. L’assemblea si dovrebbe tenere all’esterno dell’edificio.

  3. Davide ha detto:

    Siate duri voi precari romani e delle sedi che hanno a che fare col monitoraggio…
    E’ l’unico modo di ricavarne qualcosa…

    Provate a revocare la vostra disponibilità alla turnazione h24 e vediamo che succede.

    Ricordiamoci quello che è accaduto recentemente..: con questo governo non c’è possibilità di dialogo!

  4. Patrizia Macrì ha detto:

    vediamo i numeri (col beneficio del dubbio)

    (ASCA) – Roma, 29 set – ”L’emendamento del Governo alla finanziaria, che cancella l’assunzione dei precari della pubblica amministrazione, rischia di diventare un altro duro colpo per l’economia romana. Da una prima ricognizione ci risulta, infatti, che l’emendamento colpirebbe circa 12000 precari del pubblico impiego ed oltre 6000 del comparto scuola, universita’ e ricerca per un totale di oltre 18000 lavoratori nel territorio di Roma e provincia. Si punirebbe un livello amministrativo giovane e di qualita’, al quale in questi mesi sono stati riconosciuti diritti e prospettive”.

    E’ quanto dichiara in una nota il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti alla notizia secondo cui il Governo avrebbe inserito al collegato alla finanziaria 2009 un emendamento che azzera i processi di stabilizzazione nel pubblico impiego previsti dalle ultime due manovre del governo Prodi.

    ”Voglio esprimere la mia solidarieta’ a tutti quei lavoratori – conclude Zingaretti – che in queste ore si stanno mobilitando a difesa dei loro diritti e della loro dignita’ e assicurare che la Provincia di Roma fara’ tutto quanto e’ nelle sue forze per essere loro vicina contro questa ingiustizia”.

    res/mcc/rob

    (Asca)

  5. Raffaele ha detto:

    Alcune note tecniche aggiuntive sulla situazione.

    L’emendamento licenzia-precari nasce come estensione del decreto brunetta.
    Il ddl 112 (convertito in legge) ha messo i presupposti per immobilizzare la testa degli enti, prima di tagliarla con l’art. 37-bis del 1441-quater.

    E’ confermato che il 1441-quater, e quindi il licenzia-precari, è collegato alla legge brunetta, non alla finanziaria, e per questo può essere approvato subito.

    Sono voci invece quelle che dicono che in Commissione Lavoro sia arrivato perchè nella maggioranza qualcuno ha storto la bocca. In ogni caso è stato firmato dai ministri rappresentativi di tutta la maggioranza, quinidi la speranza che, con la fiducia, non passi è ZERO. Deve essere fermato prima.

  6. Stefano Pucci ha detto:

    Cari ragazzi, capisco la necessità di mediare diverse opinioni e di uscire immediatamente con un comunicato stampa sullo stato d’agitazione pubblicato sul sito INGV, ma quello letto sulla nostra Home page mi sembra eccessivamente stringato, poco incisivo ed, alla fine, anche poco adeguato a rappresentare i reali sentimenti suscitati dall’emendamento “ammazza-precari”.
    Io propenderei per qualcosa di più “forte”, visto che l’emendamento non è per niente leggero. Non prevede nessuna strategia futura di sviluppo, ma è anzi espressione di una strategia di inviluppo. Una delle questioni più gravi è che non si fa alcun riferimento a quelli che sarebbero i meccanismi di reclutamento e di gestione delle risorse di questo personale precario “scaricato”. Per tutto questo personale l’applicazione del 519 e 520 ha dato origine, negli ultimi due anni, a delle garanzie da pseudo-stabilizzati, anche se non in grado di assicurare a tutti un’aspettativa di carriera. Queste garanzie si sono tradotte in una legittima organizzazione della vita del precario. Per fare alcuni esempi, considerata anche l’età media dello stabilizzando: c’è chi si è accollato mutui, chi ha messo su famiglia, chi ha deciso di avere figli, ecc. Ora viene rimesso in discussione un diritto acquisito, destabilizzando ulteriormente la vita di tutti noi.
    Ora, essendone consapevoli, dovremmo stressare il fatto che le forme di collaborazione a termine siano indispensabili ed opportune per l’Istituto, sia nello svolgimento del monitoraggio sismico e vulcanico, che nell’ambito di progetti di ricerca specifici, volti a sviluppare conoscenze scientifiche e tecnologiche tese ad aggiornare e migliorare gli stessi monitoraggi.
    Credo non si possa evitare far leva lì dove abbiamo più potere contrattuale. Dovremmo minacciare la sospensione di tutti i servizi svolti dai precari, auspicando anche un coinvolgimento più esteso. Questo fissando e comunicando una data di inizio sospensione, che verrà poi protratta ad oltranza fino a risoluzione della questione.

  7. […] precari@INGV « stato di mobilitazione […]

  8. Fabrizio Cara ha detto:

    Non so se qualcuno ha già postato questi links, comunque questa è la precisazione di Brunetta in risposta all’articolo di ieri 29 Settembre 2008 de La Repubblica in merito alla ragazza precaria dell’ISFOL (per chi volesse rileggere la storia: http://www.repubblica.it/2008/09/sezioni/economia/pubblica-amministrazione-1/precari-isfol/precari-isfol.html?ref=search).
    Ovviamente tocca il tema dell’emendamento in generale…

    http://www.innovazionepa.gov.it/ministro/salastampa/notizie/3109.htm

    Penso sia poi interessante leggere queste altre cose su tutti gli emendamenti che Brunetta ha presentato sul 1441-quater:

    http://www.innovazionepa.gov.it/ministro/salastampa/notizie/3051.htm

    Tutto ripugnante…

  9. Luca ha detto:

    PROPOSTA PER IL SITO WEB INGV
    Ho visto che è già stato introdotto un link per la dichiarazione dello stato di agitazione. Ottimo.
    Propongo una visualizzazione più incisiva tipo pubblicità dei giornali a tempo e a tutto schermo che si attivi sia al collegamento con il sito, sia al collegamento con le info sui terremoti recenti in tempo reale.
    Oppure si potrebbero mettere in cascata obbligatoria i comunicati o le foto importanti per poter accedere alle informazioni sugli eventi, magari con quizzetto finale a risposta multipla per vedere se il lettore si è concentrato bene…
    Anche un comunicato in inglese non ci starebbe male.

  10. Davide ha detto:

    Non male l’idea di Luca.
    Si potrebbe mettere questa pagina di “intermezzo” con un comunicato in italiano e in inglese davanti alla homepage e davanti alle pagine piu’ visitate del sito dell’istituto.

    La visibilità prima di tutto.

    Poi, non scordate che il prossimo impegno ufficiale dei ricercatori dell’ente sarà l’AGU. Speriamo che le cose si siano risolte nel migliore dei modi nel frattempo..altrimenti sarà nostro compito preparare una bella campagna pubblicitaria sulla condizione della ricerca in Italia.

  11. Davide ha detto:

    dalle headline di Repubblica
    STATALI: VERSO SLITTAMENTO NORMA SU PRECARI A META’ 2009
    L’entrata in vigore della norma contro la stabilizzazione dei precari della P.a. potrebbe slittare di almeno sei mesi. A quanto apprende l’Agi, il governo sta infatti lavorando ad una riformulazione della misura che abolisce le procedure, introdotte dal governo Prodi, per l’assorbimento dei lavoratori statali con contratto a termine. La modifica “raccoglierebbe le preoccupazioni” espresse in questi giorni anche da esponenti della stessa maggioranza. La nuova versione del testo dovrebbe fissare l’entrata in vigore della norma, fortemente voluta dal ministro Brunetta, a meta’ del 2009 e consentirebbe all’esecutivo di monitorare, nel frattempo, la reale dimensione del fenomeno, che attualmente e’ sconosciuta.

    Battiamo il ferro finche’ e’ caldo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...